La Regina del Silenzio di Paolo Rumiz

In bilico tra fiaba e fantasy, La Regina del Silenzio di Paolo Rumiz è una piacevole lettura capace di coinvolgere tutti i sensi.

La Regina del Silenzio (La Nave Di Teseo) di Paolo Rumiz è un animale strano nel panorama editoriale italiano contemporaneo: in libreria l’ho scoperto nella sezione fantasy, mentre l’autore e l’editore lo definiscono una “favola”; la copertina e la veste editoriale balzano subito agli occhi per la bellezza, distanziandosi nettamente dalla grafica orribile con cui gli editori italiani si ostinano a rivestire i fantasy.
Catturata l’attenzione ci si accorge dell’autore e ci si stupisce di vederlo su questi scaffali. Inutile dire che, preso dalla curiosità, mi sono sentito in dovere di leggerlo e non ne sono stato deluso.

Paolo Rumiz la nave di teseo fantasy

Diciamo che ha (ovviamente?) ragione l’autore a definirlo una favola visti gli elementi prettamente fiabeschi, ma nella mia testa non ho potuto fare a meno di accostarlo stilisticamente a Lo Hobbit e per certi versi alla saga di Terramare. Non che ci siano somiglianze narrative ad esclusione del viaggio, la quest alla base del genere, ma il tono, l’incedere della narrazione e qualche episodio hanno riacceso in me il ricordo delle suddette opere.
Si parte con una battaglia epica con eserciti, creature mostruose e un eroe leggendario, per poi passare, dopo il prologo, a una dimensione più favolistica che sottolinea l’importanza della musica, e più in generale, dell’arte per sconfiggere il male e unire i popoli nella pace.
Detto così sembra stucchevole, ma l’abilità narrativa e di scrittura di Rumiz riescono a rendere la lettura coinvolgente ed evocativa, toccando le giuste corde emotive ed evitando inutili lungaggini: si è trasportati in una dimensione lontana, dove tutto è possibile, e l’attenzione è rapita come quando, da piccoli, si rimane ad ascoltare una bella storia che può risolversi nei modi più inaspettati grazie alla forza della fantasia.

Cosimo Miorelli La regina del silenzio

Rumiz ha inoltre pensato questo romanzo come una vera esperienza “artistica” a 360°, visiva e auditiva: La Regina del Silenzio è infatti interamente illustrato (i disegni, così come la copertina stupenda, sono opera di Cosimo Miorelli), e a ciascun capitolo è associato un brano musicale scelto dall’autore, con cui calarsi nell’atmosfera. L’oggetto libro si presenta quindi molto bene e contribuisce esso stesso al fascino della lettura.

Mi sento quindi di consigliarlo anche per il pubblico nerd più convinto: è diverso dalle proposte editoriali canoniche, una favola inusuale e contemporanea, scritta e presentata ottimamente.

Grazie per aver letto l’articolo! 🙂 Se ti è piaciuto o è stato utile, potresti condividerlo cliccando su uno dei tasti qui sotto: aiuterà altri a trovarlo e mi farà sapere che l’hai gradito!
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Print this page
Print
Tweet about this on Twitter
Twitter


About

Da sempre appassionato di videogiochi, giochi da tavolo, fumetti, libri e cinema, ho deciso di aprire un blog dedicato a tutte queste mie manie per condividerle con spiriti affini!


'La Regina del Silenzio di Paolo Rumiz' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

@2017 - Seriamente Nerd. All Rights Reserved.

Close