La copertina di Hasib e la regina dei serpenti

Hasib e la Regina dei Serpenti | Recensione

Siete nel mood per una psichedelia “fantasy“? Hasib e la Regina dei Serpenti (BAO Publishing), l’interpretazione di David B. di una storia tratta da Le Mille e una Notte, potrebbe essere ciò che fa per voi.

Hasib è il figlio di un grande saggio, ma non eccelle in nulla. Dopo aver iniziato a lavorare con un gruppo di boscaioli, scopre assieme a loro una grotta ricca di riserve di miele. Da qui al misfatto il passo è breve: dopo averli aiutati ad appropriarsi del miele, Hasib viene chiuso dai boscaioli nella grotta e viene dichiarato morto.
Sarà proprio all’interno della caverna che avverrà l’incontro con la Regina dei Serpenti: ella gli riferirà le storie del re Buluqiyya e del principe Janshah, e si rivelerà fondamentale per la sua liberazione e la sua crescita.

Una tavola interna di Hasib e la regina dei serpenti

È interessante notare come la stessa opera d’ispirazione possa portare ad interpretazioni tanto differenti: basta confrontare Sheraza-De di Sergio Toppi con questo volume per rendersene conto.

David B. realizza, con il suo stile personalissimo, un adattamento che si rifà costantemente al motivo della spirale, sia nella disposizione di certe tavole che nella caratterizzazione visiva di alcuni personaggi, senza dimenticare la struttura di una storia che sembra avvolgersi su se stessa.
Il racconto si apre infatti con la cornice classica di Shahrazād che inizia a raccontare la storia di Hasib al re Shahriyār , ma dopo poche pagine il ruolo della narratrice tocca alla Regina dei Serpenti, per poi a sua volta passare al principe Janshah e finire nuovamente con Shahrazād, in un gioco costante di rimandi e “rimpalli”.

Una tavola interna di Hasib e la regina dei serpenti dove è ritratta la regina
Lo stile grafico di David B. si posiziona per l’occasione a metà tra l’incisione medievale e la psichedelia anni 60, creando un intreccio ipnotico e ricco di dettagli da dipanare. La lettura attenta è infatti richiesta per godersi questo viaggio e coglierne tutte le sfaccettature.

Ottima anche questa volta l’edizione di BAO Publishing: il libro è un cartonato di grande formato, dalle pagine robuste con un’ottima resa dei colori.

Le illustrazioni di David B. per Hasib e la regina dei serpenti

Hasib e la Regina dei Serpenti è un viaggio consigliato per i lettori più curiosi e intraprendenti, quelli che dal fumetto cercano culture e mondi sconosciuti: qui troveranno pane per i loro denti.

Grazie per aver letto l’articolo! 🙂 Se ti è piaciuto o è stato utile, potresti condividerlo cliccando su uno dei tasti qui sotto: aiuterà altri a trovarlo e mi farà sapere che l’hai gradito!
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Print this page
Print
Tweet about this on Twitter
Twitter


About

Da sempre appassionato di videogiochi, giochi da tavolo, fumetti, libri e cinema, ho deciso di aprire un blog dedicato a tutte queste mie manie per condividerle con spiriti affini!


'Hasib e la Regina dei Serpenti | Recensione' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

@2017 - Seriamente Nerd. All Rights Reserved.

Close