Victor Overkill Edition Switch

Victor Vran – Recensione Nintendo Switch

Victor Vran è un buon action RPG alla Diablo che soddisferà i fan del genere fino all’arrivo del titolo Blizzard su Switch.

Quando ho fatto la conoscenza di Victor Vran, il protagonista dell’omonimo titolo, non ho potuto fare a meno di pensare al Van Helsing versione 2004, e infatti non mi sbagliavo: Vran è il tipico ammazzamostri professionista che si ritrova nella città di Zagoravia per fermare un invasione di demoni e contemporaneamente scoprire cosa è successo a un suo vecchio amico.
Vi suona come un cliché? Lo è e per fortuna lo sanno anche gli sviluppatori: Victor Vran è infatti un titolo pieno di ironia e battute che iniettano una buona dose di carattere in un genere che spesso tende ad essere molto uguale a sé stesso.

Ma se siete fan di questo genere, non lo siete sicuramente per le trame.

Recensione Nintendo Switch Victor Vran

Quindi, come si gioca questo Victor Vran?

Piuttosto bene, detto in estrema sintesi. La base è quella di Diablo, ma rispetto a quest’ultimo, Victor Vran vanta una componente action più marcata, con il protagonista può saltare e compiere schivate più vicine a un God of War che al titolo Blizzard, e una componente ruolistica più essenziale. Queste caratteristiche lo rendono più immediato e adatto a sessioni “mordi e fuggi”, particolarmente adatte alla Switch.
I fan del genere potrebbero storcere il naso di fronte alle semplificazioni, in particolare alla mancanza di un vero e proprio sistema di classi, ma devo ammettere di aver apprezzato la facilità di customizzazione del proprio eroe.
Per quanto riguarda la longevità il titolo si difende bene: la campagna principale dura circa 15 ore e in questa Overkill Edition sono presenti i due DLC usciti su PC, “Fractured Worlds” e il divertente “Motörhead Through the Ages”, che aggiungono altre 5 ore alla durata totale.

Victor Vran su Nintendo Switch recensione

Com’è tecnicamente Victor Vran?

Tecnicamente il titolo fa il suo senza stupire particolarmente. Gli ambienti sono ben caratterizzati e l’atmosfera è buona, pur non proponendo niente di originale. In versione portatile la telecamera rende difficile cogliere alcuni dettagli ma rimane sempre funzionale al gameplay mentre con la console docked il titolo è uguale a quanto già visto su PS4 e X-box One.

Victor Vran combatte scheletri su Nintendo Switch

Altro da segnalare?

Se siete fan del genere Victor Vran è un titolo che non vi deluderà e poterlo giocare in versione portatile è un plus non indifferente. Per tutti gli altri, se siete in cerca di un titolo dove dispensare mazzate a destra e a manca senza dover pensare troppo, fatevi sotto!

Grazie per aver letto l’articolo! 🙂 Se ti è piaciuto o è stato utile, potresti condividerlo cliccando su uno dei tasti qui sotto: aiuterà altri a trovarlo e mi farà sapere che l’hai gradito!
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Print this page
Print
Tweet about this on Twitter
Twitter


About

Da sempre appassionato di videogiochi, giochi da tavolo, fumetti, libri e cinema, ho deciso di aprire un blog dedicato a tutte queste mie manie per condividerle con spiriti affini!


'Victor Vran – Recensione Nintendo Switch' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

@2017 - Seriamente Nerd. All Rights Reserved.

Close